giovedì 19 marzo 2009

Papà, shosh!

Caro papà,

la mamma stamattina mi ha detto che oggi è la tua festa. Mi ha detto che dovevo dirti "auguri papà!", o "viva il papà!", ma io non ne sono ancora capace.

Allora sono venuto in camera mentre ti vestivi e ti ho detto "Papà, shosh!" perché mi piace tanto quando tu mi dai dei pezzetti di scotch e io li attacco sul mio cicci blu.

Da qualche giorno, poi, tu e mamma mi state dicendo che presto tu prenderai un aereo e andrai lontano per tanti giorni. Andrai in Cina, e questo l'ho imparato a dire. Ogni volta che vedo un aereo dico: "Aeo, papà, Cinna!". Non ho ben capito cos'è questa Cina, forse è un posto dove fanno cin-cin-cin come mi ha detto la mamma, che mi fa tanto ridere.

Mamma è un po' preoccupata perché non siamo mai stati lontani più di un giorno, da quando sono nato. E secondo lei risentirò di questa tua lontananza. Però poi mi ha detto che mi porterai un regalo.

Intanto, caro papà, cin cin!

4 commenti:

  1. Che dolcissimo questo post...

    Immagino la tua preoccupazione,è normale... ma forse il bimbo non subirà un forte stress... speriamo,dai! Intanto,auguri a tuo marito per la festa del papà anche da parte mia. Con un po' di ritardo... Baci e stai tranquilla.

    RispondiElimina
  2. madainoncicredo20 marzo 2009 11:12

    Valu, hai colto in pieno il mio stato d'animo... sono agitata (già adesso dormo poco e male la notte) e temo che Gabo ne risentirà...

    Ne ho parlato anche al nido e le educatrici faranno dei giochi "mirati". Speriamo che queste due settimane passino in fretta!

    RispondiElimina
  3. vedrai che andrà tutto bene...cerca di godertela come una mini vacanza tutta vostra, uno spazio tuo e di gabriele, in cui il papà non può entrare!!

    RispondiElimina
  4. Nizam è stato in Turchia 22 giorni lo scorso ottobre. La bimba non ne ha risentito affatto, in realtà. Certo, era più piccola di Gabo. Ma è stata felicissima quando è tornato...

    RispondiElimina