domenica 8 marzo 2009

Frustr-azione

Altro che varicella "frusta" e forma lieve... Gabo ha pustole persino sui palmi delle mani, dentro le orecchie e probabilmente anche in bocca, sotto forma di afte: ieri sera ha chiesto uno spicchio d'arancio, ma dopo un paio di ciucciatine si è messo a piangere e non l'ha voluto più.

La pappa, ovviamente, è già diventata un optional. E la nanna non è stata così tormentata nemmeno quando lo allattavo: stanotte si è svegliato a mezzanotte, all'1,30, alle 4,30 e definitivamente alle 6.

Alle 9.30 sono strisciata fino in piscina, per il mio idromassaggio a cadenza mensile ormai (e pensare che ci andavo due volte a settimana! Ma come facevo??), e nello spogliatoio ho incontrato la mamma di una compagna di "classe" di Gabo: "Come puoi vedere dalla mia faccia - mi ha detto, indicandosi le occhiaie- anche A. ha la varicella... e stanotte non abbiamo chiuso occhio". Mal comune poco gaudio, ci siamo fiondate per 10 minuti nel bagno turco: più che altro una scusa per poi fare la doccia in santa pace.

Quel che mi chiedo è come fare a non lavarlo almeno per un'altra settimana... Oltretutto gli spruzzo l'olio Vea un paio di volte al giorno almeno (non so se conti, ma a lui piace la sensazione di fresco dello spray, quindi abbondo). Ancora qualche giorno così e potrà fare a gara con Pig Pen.

C'è poi l'incognita reclusione: il pediatra si è raccomandato di non farlo uscire per una settimana. Ma mi è venuto il dubbio: è una precauzione per non contagiare altri, o anche per proteggere il bambino da eventuali complicazioni? Perché oggi è una giornata meravigliosa, e magari nel tardo pomeriggio mi piacerebbe portarlo a fare il giro dell'isolato, tipo passeggiatina con il cane... Dieci giorni senza mettere il naso fuori di casa potrebbero farci andare tutti un po' fuori dei coppi, come si dice da noi!

8 commenti:

  1. non credo sia una cosa per non infettare gli altri, nel momento in cui le bolle scoppiano, non è più infettivo. Forse pensava che se aveva febbre, meglio tenerlo riguardato...

    ma povero...e poveri voi...

    RispondiElimina
  2. uh mamma...boh io ho trovato un po' di notizie qui

    http://www.epicentro.iss.it/problemi/varicella/varicella.asp

    RispondiElimina
  3. madainoncicredo8 marzo 2009 17:37

    Nel sito dell'Iss dicono che "In generale, si consiglia di isolare i pazienti per evitare la diffusione del contagio. È raccomandato che i bambini colpiti dalla malattia restino a casa da scuola per almeno cinque giorni dalla comparsa delle prime vescicole. "

    Quindi forse un giretto dell'isolato... ci sono 17 gradi fuori!!!

    RispondiElimina
  4. Slimmingdown9 marzo 2009 12:20

    Ma vai Madai...freddo non e' quindi non c'e' problema. Fara' bene anche al suo morale ( e al tuo)

    RispondiElimina
  5. Presi la varicella a 7 anni (avevo la recita di Natale e l'ho dovuta saltare... =___=), ma il medico si raccomandò di non farmi uscire perché potevo infettare anche altre persone. Stessa cosa con la scarlattina. Prova a chiamarlo e a chiedere... magari un giretto piccolo lo concede... Poveretti... :-(

    Spero che il piccolo si riprenda presto!

    RispondiElimina
  6. girasolegialloeblu11 marzo 2009 11:12

    A me con Elisa non dissero ne' di non farle il bagno, anzi io glielo facevo tutte le sere con la calamina per attenuare il prurito (anche se devo dire lei era piccolina e il prurito non l'ho mai notato), ne' tantomeno di non uscire, certo non la portai dalla nanny perche' lei portava le bimbe ai gruppi e non mi sembrava il caso per il contagio, ma una passeggiatina all'aria aperta fa sempre bene, soprattutto se - INVIDIA - ci sono 17 gradi!!!

    RispondiElimina
  7. madainoncicredo11 marzo 2009 14:38

    Il nostro pediatra non c'è e oggi ho parlato con la sostituta, che alle mie domande (Posso lavarlo? Posso farlo uscire? Posso riportarlo al nido?) mi ha detto, in sostanza, "valuti lei da come lo vede...".

    A parte il fatto che questa non ha mia visto né me né Gabo, è la prima volta che le parlo e solo al telefono, e potrei anche essere una minorata o una pazza... io valuto che oggi pomeriggio, se si sveglia ad un'ora decente, lo porto a fare due passi! E' pallido come un cencio, povero... e stasera mi sa che si cucca una doccetta!


    Elisa, è la prima volta che sento la parola calamina... ma in Italia davvero tutti sconsigliano di lavarlo finché hanno le pustole, perché tarderebbe la formazione di croste che è considerata indicativa di guarigione!

    Purtroppo nella zona pannolino le croste non gli vengono... ma da oggi a lunedì speriamo la situazione evolva del tutto!

    RispondiElimina
  8. carezzadiluce12 marzo 2009 16:39

    2)Per percepire l'infinito valore di tutte le cose, dobbiamo concedere alla vita un'attenzione completa e totale. (Jack Kornfield)


    RispondiElimina