giovedì 29 marzo 2007

Superbagnetto

Ieri sono stata in piscina per la prima volta con Lenticchia. Anticipo subito il giudizio finale: per lui l'esperienza è stata così così, per me una fatica massacrante, ma non vedo l'ora di tornarci!

Il primo problema, e per entrambi, è stato l'ingresso nello spogliatoio. Faceva un caldo disumano, e io avevo dovuto salire una scala ripida con una trentina di gradini carica di ovetto con bimbo, borsetta, borsa del cambio e borsone della piscina. A occhio e croce, una zavorra di una ventina di chili... non proprio indicata per una che, come me, ha subito due interventi alla schiena e soffre ancora di problemi alla colonna vertebrale. Ma per mio figlio questo ed altro.

Entriamo nello spogliatoio, appoggio la zavorra, prendo in braccio Lenticchia per spogliarlo - se no mi si squaglia dal caldo - e lui comincia a strillare come non mai. Io intanto sudo e sono nervosissima, perciò la situazione peggiora. Non sono abituata a sentirlo piangere in questo modo: una crisi così l'aveva avuta solo dopo la vaccinazione! Temo che per stavolta la piscina dovrà attendere.

Invece bene o male dopo qualche minuto si calma (forse era solo un pianto di stanchezza: non aveva fatto il pisolino dopo pranzo), così lo spoglio e gli infilo il costumino contenitivo: una mutandina con spugna all'interno e una specie di plastica all'esterno, per evitare spiacevoli tracimamenti. Altro problema: e adesso io come faccio a cambiarmi??? Capisco che la collaborazione tra mamme è fondamentale. Lascio Lenticchia sul fasciatoio, sotto il controllo di una mamma, e in pochi secondi mi spoglio e infilo costume e cuffia. Poi prendo Lenticchia in braccio e lo porto sul piano vasca, dove ci sono altri fasciatoi. Lo appoggio per terra e chiedo ad un'altra mamma di guardarmelo mentre torno nello spogliatoio e prendo borsetta, borsa del cambio e borsone della piscina: infatti ci avvertono che gli spogliatoi sono infestati di ladri. Prego che non mi rubino i vestiti, ma soprattutto l'ovetto e anche il passeggino che ho lasciato al piano di sotto...

Adesso arriva la parte più divertente. Prima facciamo assieme la doccia, e per fortuna avevo fatto le prove a casa! Poi passo Lenticchia all'istruttrice ed entro in vasca, profonda 80 cm e con acqua a 32 gradi (caldina, ma non sono i 37-38 gradi del bagnetto che si fa a casa!). Quindi l'istruttrice mi passa Lenticchia che si guarda attorno perplesso, proprio come quando stiamo per fare il bagnetto. Lo immergo piano piano e lui mi si aggrappa al collo tipo koala, però non piange. Cammino con lui in braccio per tutta la vasca, lo accarezzo, gli canto "Singing in the rain" (colonna sonora di ogni bagnetto) e lo porto in fondo dove galleggiano tanti giochini. Intanto sono riuscita a sdraiarlo a pelo d'acqua ma preferisco non bagnargli la testa: lo tengo, diciamo così, in posizione cullamento. Lui acchiappa una piccola foca e se la ciuccia con voluttà. Si chiacchiera con le altre mamme e passa mezz'ora. Io comincio ad avere freddo e decido di uscire: per oggi è tutto lasciato alla nostra iniziativa personale. Spero che le prossime volte l'istruttrice abbia un ruolo un po' più attivo, rispetto a quello di aiutante per fare la doccia... Si ricomincia con la fatica inumana di doccia a turno - asciugamento a turno - vestizione a turno. In qualche modo ce la facciamo.

Appena poggio Lenticchia nell'ovetto, crolla addormentato. Dorme nel tragitto fino alla macchina, nonostante gli sballottamenti. Dorme in auto. Continua a dormire quando lo scarico. Dorme in ascensore. Dorme quando entriamo in casa. Continua a dormire con il suo ben tutone imbottito addosso. Be', ne approfitto... Svuoto la borsa della piscina, metto ad asciugare accappatoio, asciugamano e costumi. Apparecchio, pranzo, sparecchio. Lenticchia è sempre lì nell'ovetto, "intutato", che dorme. Si fa quasi un'ora di sonno, poi si sveglia. E' ora di fare merenda.

Peccato dover aspettare mercoledì prossimo per ripetere l'esperienza!

9 commenti:

  1. ladymorgana7829 marzo 2007 10:45

    complimenti per la pazienza...

    RispondiElimina
  2. oddio! che fatica!

    ma non puoi andare nello spogliatoio, portarti tuo figlio, spogliarti con lui vicino, poi andate insieme in piscina?

    RispondiElimina
  3. madainoncicredo29 marzo 2007 11:01

    Forse sono io che sono imbranata... ma ho visto tutte le mamme in difficoltà! Forse perché era la prima volta.


    Con un bimbo di 4 mesi che non sta ancora seduto, però, è più difficile... infatti per i più grandini c'è un box, dove le mamme li appoggiano mentre si preparano. Ma per i cucciolotti-scarafaggiotti (come lo chiamo io, quando sta sdraiato e muove forsennatamente gambe e braccia nel tentativo di girarsi)... c'è solo il fasciatoio! Ed è pericolosissimo lasciarli lì sopra da soli!!!

    RispondiElimina
  4. rosaselvatica29 marzo 2007 11:05

    complimenti per il tuo blog... è davvero molto carino :-)

    RispondiElimina
  5. wow che bello....ma che fatica...anche io vorrei tanto provare!

    RispondiElimina
  6. io lo appoggio sul fasciatoio e mi cambio stando lì attaccata, in modo che le mie gambe fanno da spondina..

    e arrivo in piscina già con il costume, così si riduce il tutto, e la doccia (o bagnetto) la facciamo a casa, lì non so come farei...

    per il resto, da noi le istruttrici (sono 2 o 3) sono molto più attive, a turno tengono i bimbi e comunque dicono sempre loro cosa fare, come tenerli etc, ma forse apsettano un po'..

    ieri noi siamo stati lanciati nell'acqua passando attraverso un cerchio (un po' come i delfini), e abbiamo fatto i tuffi da un'isola... vedrai!!!!

    RispondiElimina
  7. Magari se l'ovetto te lo porti in spogliatoio lo puoi usare per tenerci Lenticchia intanto che ti svesti e sucessivamente quando ti vesti...o no??Comunque bell'impresa..complimenti!

    RispondiElimina
  8. un altro microconsiglio: io la borsetta non me la porto..metto chiavi cellulare e portafogli dentro il borsone..e poi mi porto tutto a bordo vasca

    non porto nemmeno la borsa cambio, mi porto un pannolino, un cambio e le salviette e le metto nel borsone

    RispondiElimina
  9. madainoncicredo30 marzo 2007 18:16

    Grazie per i consigli :-)

    Come per tutte le cose, nessuna nasce imparata... e poi è questione di allenamento!

    RispondiElimina