martedì 27 marzo 2007

Capolinea

Giuro che ho fatto di tutto per allattare al seno.

Ho preso integratori di ogni tipo: Lactogal, Piùlatte, Nursing, Mamoplex, tisana di anice-finocchio-galega, fieno greco in polvere. Così sono riuscita a mantenere una produzione decente per quattro mesi. Ma non sufficiente a coprire l'intero fabbisogno, visto che il biberon serale/notturno di latte artificiale gliel'ho sempre dato.
Mi andava bene così.

Ci andava bene così.

Negli ultimi giorni ho combattuto lotte furibonde, corpo a corpo, ed ho perso.

Mio figlio si è proprio stancato. Quando gli porgo il seno, ciuccia per pochi secondi poi si stacca. O addirittura gira la testa dall'altra parte senza nemmeno provarci...

Eppure di latte ne ho ancora un pochino: finora l'ho estratto con il tiralatte per non impazzire di dolore. Ma ieri non ho sentito il bisogno di usarlo.

Sono arrivata al capolinea, insomma.

Devo chiamare la ginecologa per sapere se è il caso che io prenda le pastiglie (Dostinex, o - ancora meglio - rimedi omeopatici come Lac caninum) per farlo andare via del tutto.

Prima o poi avrei dovuto smettere, no?

Eppure...
...mi dispiace.
Sì, soffro.
Piango.
Anche se allattare non è mai stata la mia passione.

E' che ora tornerò una donna "normale". Non più gravida né puerpera né "donna che allatta"...

Prevedo tempeste ormonali in arrivo.


E facciamoci sto Campari, va'!

10 commenti:

  1. Mi sembra di rivedere me un mesetto fa, poco più...

    anche se non ho fatto 1+ e che ora posso finalmente bermi quell'agognato digestivo di cui ho fatto a meno per talmente tanto tempo che ora manco mi viene in mente il nome...

    Madai...hai fatto tutto quello che potevi, più di quello che dovevi? perchè crucciarsene? anzi....sii soddisfattissima del tuo "lavoro"! perchè, diciamocelo, allattare è un lavoro!!!

    RispondiElimina
  2. nonsologeomangio27 marzo 2007 15:38

    Agnus castus alla quinta!

    Ti capisco, è successo anche a me con la seconda gravidanza (i maschi sono più pigri) Dopo i pianti iniziali, la chiusura completa è stata una liberazione!

    RispondiElimina
  3. sob, lenticchia è un pigrone come enrico... solo forse meno testardo,e ci ha messo un po' di più a pensare "chi me lo fafare di mangiare da questa roba scomoda, che con il bibe ne viene di più...?"

    passa...

    RispondiElimina
  4. sei bravissima. e basta.

    ti abbraccio.

    RispondiElimina
  5. E noi saremo qui a sopportarle le tempeste ;-)

    RispondiElimina
  6. E invece non temere: tornerai una donna normalissima, e godrai nel non sentirti più indispensabile per la sopravvivenza di tuo figlio. Gli insegnerai che l'amore non passa solo dal latte, ma da tutte le cose meravigliose che potete fare insieme (quante volte ho ballato con Amelia in braccio e, più tardi, per lei come pubblico, mentre rideva delle medagliette delle cinture).

    ---

    Per la testa piatta: anche ad Amelia avevano riscontrato questa particolarità, ma nessuno si è sognato di consigliarmi terapie. È un problema che si risolve da sé quando il bimbo comincia a stare seduto senza supporto: la loro testa è molle fino all'anno e in 5-6 mesi riprende una forma rotonda.

    Ciao

    Chiara

    RispondiElimina
  7. madainoncicredo29 marzo 2007 10:45

    Guardiamo i lati positivi... Be', ieri mi sono fatta il Campari :-D


    Guardiamo i lati negativi... adesso non ho più scuse: devo mettermi a dieta :-/





    RispondiElimina
  8. Leggevo il tuo racconto e mi sembrava di essere in un dejavù, con la differenza che te hai avuto la forza di smettere dopo 4 mesi, io con la prima figlia ho tirato avanti x 9 mesi, gli davo il mio seno (non credo ci fosse niente dentro) almeno 1 volta al giorno. x me i problemi erano svariati: capezzolo retrattile (strappato dopo qualche mese dalla tenacia della piccola), figlia pigra, febbre dopo una settimana, inoltre in ospedale visto che così non rompeva, il 2° giorno cominciarono con le giunte (e lei scoprì le comodità della vita...).

    Dal 2 ottobre sono mamma x la seconda volta, ero preparata alla stessa sorte, mi dicevano se non hai il latte x la prima, figurati la seconda... invece la vitellina è un pozzo senza fondo, il problema semmai è la frequenza delle poppate, di giorno siamo ancora a 3 ore max 3 ore e mezzo, anche dopo la pappa, la notte ogni tanto fa 5 ore, ma anche 2 e mezzo. ma qiesta è un'altra storia. x la piscima cxomplimenti vivissimi. io dopo la prima lezione ho rinunciato, nonostante ne avessi pagate ben 10....

    RispondiElimina
  9. Leggevo il tuo racconto e mi sembrava di essere in un dejavù, con la differenza che te hai avuto la forza di smettere dopo 4 mesi, io con la prima figlia ho tirato avanti x 9 mesi, gli davo il mio seno (non credo ci fosse niente dentro) almeno 1 volta al giorno. x me i problemi erano svariati: capezzolo retrattile (strappato dopo qualche mese dalla tenacia della piccola), figlia pigra, febbre dopo una settimana, inoltre in ospedale visto che così non rompeva, il 2° giorno cominciarono con le giunte (e lei scoprì le comodità della vita...).

    Dal 2 ottobre sono mamma x la seconda volta, ero preparata alla stessa sorte, mi dicevano se non hai il latte x la prima, figurati la seconda... invece la vitellina è un pozzo senza fondo, il problema semmai è la frequenza delle poppate, di giorno siamo ancora a 3 ore max 3 ore e mezzo, anche dopo la pappa, la notte ogni tanto fa 5 ore, ma anche 2 e mezzo, e il congelatore con svariati sacchetti di latte levato con il tiralatte, che conservo x le emergenze..... Ma questa è un'altra storia.

    x la piscina complimenti vivissimi. io dopo la prima lezione ho rinunciato, nonostante ne avessi pagate ben 10....

    RispondiElimina
  10. Anche io ho smesso, proprio qualche giorno fa perchè la bimba (nata il 2 ottobre 2006) non voleva più la tetta... la schifava proprio... neanche l'assaggiava più. Certo anche a me dispiace moltissimo, ma mi sta passando velocemente. Basta che la guardo sorridere e mi dico "che cosa vuoi di più dalla vita?"

    Baci

    Mariag

    RispondiElimina