sabato 1 settembre 2007

Bye bye aspettativa

Ieri, 31 agosto, è stato il mio ultimo giorno di congedo parentale facoltativo. La cosiddetta "aspettativa al 30%".

Da oggi, dunque, sarei dovuta tornare a lavorare, ma sono in ferie più o meno fino alla fine del mese. Per fortuna avevo una ventina di giorni residui, altrimenti non so come avrei potuto fare, visto che l'inserimento al nido comincerà l'11 settembre e si concluderà... boh? Spero il prima possibile.

Sto cominciano a soffrire molto all'idea di lasciare il mio cucciolo per tante ore in mani estranee. D'altra parte, non ho alternative.

Oggi pomeriggio Lenticchia si è svegliato dopo un'ora di riposino, ma si capiva - io ho capito; io posso capire - che aveva ancora voglia di dormire. Così mi sono seduta in poltrona con lui, nella semi-oscurità della sua cameretta, e pochi minuti dopo si è riaddormentato.
Ho pensato: ma al nido come avrebbero fatto? E come farà a fare i suoi pisolini, lui che è così abituato al silenzio? Piangerà? Lo consoleranno?

E ho cominciato a piangere. E piango tuttora.

16 commenti:

  1. no, ti prego, non piangere. resisti e sorridi al tuo bimbo...un bacio, astrid

    RispondiElimina
  2. Ti capisco benissimo, io riprenderò lunedì e Big Sam andrà dalla nonna (suocera!).. mi manca già e in questi ultimi giorni non faccio che coccolarmelo per fargli sentire quanto bene gli voglio.. è vero, starà dalla nonna che (forse) è meglio del nido, ma l'abbraccio di mamma è unico e inconfondibile.. a volte però mi chiedo se è lui ad avere tanto bisogno di me o se sono io a non poter stare senza di lui.. un bacio grande a tutti e due.. Momi74

    RispondiElimina
  3. Capisco bene la tua tristezza...il mio congedo maternità facoltativo finirà a gennaio..e già il pensiero di dover lasciare Sara per così tante ore in altre mani che nn siano le mie...Ti abbraccio. Quasimamma

    RispondiElimina
  4. ti consola un pochino sapere che quando io riprenderò a lavorare non avrò nemmeno Simone in casa o da andare a prendere al nido o dalla nonna o dalla baby sitter quando rientrerò a casa???spero ti consoli almeno un pochino...io starò 5 lunghissime notti senza vederlo, mi alzerò per 5 lunghissimi giorni e lui non ci sarà a fare colazione con me...e facciamo tutto questo per loro....viene da piangere anche a me....

    RispondiElimina
  5. Domani torno in ufficio. Finito congedo, finita aspettativa. E martedì inserimento al nido.

    Dopo averci pensato per mesi come una liberazione (ho un figlio abbastanza impegnativo), negli ultimi giorni mi sono immedesimata in lui che si vede davanti una faccia estranea di persona che lo imbocca, o peggio che gli cambia il pannolino... E' strano, non mi importa che si affezioni ad altri o che giochi tutto il giorno con loro (questo è quello che spero almeno), sono queste piccole intimità non più esclusive che mi danno addosso.

    RispondiElimina
  6. madainoncicredo3 settembre 2007 10:19

    Io so solo che comincerò a piangere almeno 24 ore prima del suo ingresso al nido... poi probabilmente lo vedrò giocare felice e spensierato, e basteranno pochi giorni per abituarmi all'idea. In fondo meglio tre tate al nido che una sola a casa, con il rischio che le si affezioni troppo e voglia più bene a lei che a me, sniff!


    L'ideale sarebbe potere lavorare solo la mattina, e stare con lui dalle 13/14 in poi. Ma nella mia azienda non si può.


    Non mi resta che piangere (o vincere al superenalotto...)

    RispondiElimina
  7. ammetto che non so cosa scrivere per consolarti....

    io penso solo che al nido ci saranno 1) delle persone super competenti che sapranno giocare con i nostri bimbi, stimolarli, insegnar loro tante cose e farli divertire

    2) avranno presto tanti nuovi amichetti che ritroveranno ogni giorno...in fondo il bello della scuola è sempre stato che ogni giorno rivedevi gli amici no??beh loro impareranno presto quest'aspetto della scuola..

    e tutto sommato nemmeno tanto presto, se pensi che dei bimbi vanno al nido a 4 mesi...

    RispondiElimina
  8. primissima cosa: non preoccuparti che al nido sono bravissimi. Gli educatori sono bravi, fidatifidatifidati. Conosco troppi genitori di bimbi che vanno al nido per avere dubbi. Lenticchia, Angoa, tato Simone, tutti i nostri topolini staranno benissimo. Anche senza di noi. Avranno nuovi orari, nuove abitudini. Si abitueranno e ne saranno felici. Staranno con noi il sabato e la domenica, e sarà una festa per loro e per noi. Te lo dico con cognizione di causa perchè gaia la vedo già ora poche ore al giorno come succederà dopo e ci rifacciamo il sabato e la domenica e devi vedere come è felice lei di aver mamma e papà sempre con lei quei due giorni. Sarà durissima per noi, molto meno per loro, e l'inserimento serve proprio per quello.

    E noi siamo mamme lavoratrici, che ci piaccia o no, e dobbiamo vivercela bene questa condizione sennò ci spariamo. Capisco la tua tristezza madai, davvero eprchè è ovviamente un pò anche la mia, ma in un modo o nell'altro dovevo provare a consolarti!

    RispondiElimina
  9. madainoncicredo3 settembre 2007 17:40

    @ba: hai ragionissima, lo so. E' che forse a me manca una "rete di protezione" e perciò mi sento ancora più vulnerabile. Non so come farò se e quando mio figlio sarà malato, nè quando il nido sarà chiuso per vacanze o scioperi. Non ho ancora trovato una tata disposta ad andarlo a prendere al nido, in auto, e a tenerlo due ore. Non so ancora con che orario tornerò al lavoro perché ho litigato con il mio capo e ora devo aspettare la decisione del mega direttore (sono la prima mamma nella mia azienda...).

    Troppi piccoli-grandi problemi...

    RispondiElimina
  10. Dai, non ti demoralizzare. Altrimenti sarà un trauma più per te che per lui...


    "In fondo meglio tre tate al nido che una sola a casa, con il rischio che le si affezioni troppo e voglia più bene a lei che a me, sniff!"

    Ma va lààààààà :-) Dove si è mai visto??

    RispondiElimina
  11. madainoncicredo4 settembre 2007 16:52

    @rossa: dici che è una para tutta mia? Uhm... forse hai ragione.

    RispondiElimina
  12. madai, la gaia ce l'ha la tata, due mattine a settimana, la tiene da quando si sveglia a dopo la pappa. Sì sì, le vuole bene, ci mancherebbe altro. Ma quando se ne va manco se ne accorge. Chiedimi se non si accorge quando vado via io...

    RispondiElimina
  13. madainoncicredo4 settembre 2007 19:03

    @ba: sì, ma Lenticchia sarebbe stato con la tata 8 ore al giorno, poi con il papà dalle 18 alle 21, e con me praticamente solo la mattina fino alle 9/10... guarda, per fortuna che è stato preso al nido! Anche se non trovo una tata che lo vada a prendere all'uscita :-(

    RispondiElimina
  14. madai@:ma guarda che la mamma è sempre la mamma...e tanto più per un maschietto.....

    non conta la quantità delle ore, ma la qualità...e io voglio credere che non sia una banalità e una frase fatta.

    Nemmeno io so ancora come farò quando sarà malato...ma facciamo che ci penso allora?

    scioperi del nido????ops....sono malata....scherzo!

    RispondiElimina
  15. madai, anche la mia seconda soluzione se non la prendevano al nido era la tata todo el dia, ma a parte il dissanguamento, ammetto che anche a me stava sulle p@lle che stesse a tu per tu con la tata per così tante ore, quindi ben venga il nido!!!!!!

    RispondiElimina
  16. madainoncicredo5 settembre 2007 23:05

    Oggi siamo stati alla riunione informativa del nido, e io ovviamente mi sono messa a piangere...

    RispondiElimina