mercoledì 18 aprile 2007

E lo chiamano corso

Sono appena tornata dalla quarta lezione del corso di acquaticità. E sono imbufalita.
Infatti ho finalmente avuto la prova che il corso si traduce in un superbagnetto nel cloro. E nient'altro.

La prima lezione, che mi costò una faticaccia, dal punto di vista del contenuto la posso riassumere così: l'istruttrice mi tiene il bimbo, entro in acqua, me lo passa. Chiedo cosa devo fare: "Ah, niente, oggi è solo per prendere confidenza. Tienilo in braccio". Chiacchiero mezz'ora con le altre mamme con Lenticchia in braccio, poi mi accorgo che ho le mani grinze e penso di uscire. L'istruttrice mi tiene il bimbo, esco e me lo passa.

Seconda lezione: la saltiamo perché diluvia e il giorno dopo Lenticchia ha la seconda dose del vaccino.

Terza lezione: chiedo alle altre mamme cosa hanno fatto la volta precedente e mi dicono "niente, come la prima volta". Entro in acqua, l'istruttrice tiene il bimbo e me lo passa. E ora cosa si fa? Nulla. Si sta in acqua con il bimbo in braccio a chiacchierare tra mamme.
Comincio a innervosirmi e chiedo all'istruttrice: ma come devo tenerlo? Posso fargli fare qualcosa? "Devi assecondarlo...". Sì ma tu ci spiegherai qualcosa? Che so, lo tengo a pancia in giù o in su? "Vedete voi...".
Ma il corso in cosa consiste? "In presa di contatto con l'acqua". E faremo altro? "Mah, dipende, cambiano tanto i bimbi in due mesi...".

Quarta lezione
(oggi): idem come sopra. Mi girano quelle-che-non-ho e affronto l'istruttrice: scusa, sai, ma ho parlato con altre mamme e loro già alla quarta lezione fanno scivolamenti, esercizi, immersioni e persino tuffi! "La nostra teoria è diversa. Noi assecondiamo i bambini e siamo attenti al loro sviluppo. Non li vogliamo forzare. Se vuoi, sei ancora in tempo a ritirarti".

Quelle-che-non-ho hanno cominciato a girare così vorticosamente che quasi mi alzavo in volo!!! E adesso dove lo trovo un altro corso??? Ormai stanno tutti finendo... Se l'avessi saputo che il loro fantomatico "corso di acquaticità" consisteva in "ingresso libero in piscina con aiutante per la doccia" ovviamente non mi sarei iscritta!!!

MIca pretendo che Lenticchia diventi sub a 6 mesi! Anche se io sono subacquea con brevetto a -30 metri, ho imparato a nuotare a 38 anni... quindi lui può aspettare. Ma almeno vorrei sapere come posso tenerlo, o come si fa a "stare attenta al suo sviluppo".

Purtroppo non avrò altre possibilità per fare un corso di acquaticità, visto che a settembre tornerò a lavorare, con turni anche sul sabato.

Sono infuriata, delusa e triste.

Lenticchia, per fortuna, non ne ha risentito. Come le altre volte, si è goduto il superbagnetto e alla fine è crollato addormentato nell'ovetto, dove sta tuttora, ronfante da circa tre quarti d'ora.

Beata innocenza.

N.B. Per completezza di informazione, alle altre mamme il corso piace così. E a giudicare dal numero di iscritti ha parecchio successo. Si vede che io sono una persona esigente... Soprattutto quando pago 73 euro per una lezione a settimana e un totale di 8 incontri.

24 commenti:

  1. boh..anche da noi non si fa niente che ai binbi dispiaccia... ma questo include immersioni, massggi, tuffi e lanci....

    non paicerebbe neanche a me, soprattutto perché per fare quello lo potresti fare con un biglietto normale e quando ti pare...

    RispondiElimina
  2. cavoli...immagino come sei dispiaciuta....noi sabato proviamo ( spero,anche se sono settimane che dico e non faccio) il post parto e poi vediamo...tanto ormai qui è tempo di bagno al mare altro che piscina!!!

    RispondiElimina
  3. però, anche se vrai i turni, per esempio dove vado io si fa una tessera da 6 entrate, da fare in 2 mesi, quindi non ci si va tutti i sabati, e poi c'è anche il mercoledì... (però per te è un po' scomodo, dovresti prendere l'A1, arrivare a Firenze, insomma un po' un casino, ma magari c'è qualcosa di simile anche in zona...)

    RispondiElimina
  4. Lo credo che ti girano vorticosamente! A 63 euro per 8 lezioni di mezz'ora, quasi quasi mi metto anch'io a tenere un corso di acquaticità per stare a mollo senza fare un tubo...

    Per fortuna noi siamo stati più fortunati. Un bacione a te e al piccolo Lenticchia

    Rossella

    RispondiElimina
  5. madainoncicredo19 aprile 2007 11:32

    @torta: sì, qualcosa di simile in zona c'è. C'era. Ormai il corso finisce... E' a 40 minuti di macchina, per questo non mi ero iscritta lì. La piscina dove vado ora è a 5 minuti. Ho scelto in base alla vicinanza. ERRORE!!!


    @Rossella: mi sta venendo il dubbio di aver pagato 73 euro, non 63...

    RispondiElimina
  6. quello che c'è qui non è che finisce...fa pausa in agosto, ma poi c'è sempre, e non c'è un inizio e una fine..poi ovviamente ogni bambino fa alcune cose diverse dagli altri in base all'esperienza...

    RispondiElimina
  7. beh se devo rischiare un corso così tantovale che aspetto il bel tempo e la porto su al villaggio della salute che l'acqua è calda anche lì... che tristezza madai... se devo far chiacchiere con altre mamme a sto punto vado al parco e faccio meno fatica! Tu vai al mare a giugno vero? posso chiederti dove?

    RispondiElimina
  8. dai ba, madai, andiamo al villaggio della salute un pomeriggio!!!!!!!!!sai che spasso!!!


    p.s.vi procuro dei biglietti omaggio se venite con me...c'ho i canali giusti!!!!!ghghgghghgh

    RispondiElimina
  9. UH COME MI DISPIACE!

    LA MIA AMICA CON I GEMELLI VA AL BIANCOLELLI E LI' LI METTONO SOTTO. NEL VERO SENSO DELLA PAROLA. :-)))

    VANNO GIA' SOTT'ACQUA!!

    E SONO NATI A NOVEMBRE COME I NOSTRI.

    DIPENDE SICURAMENTE DA POSTO A POSTO E FORSE ANCHE DA OGNI ISTRUTTORE!

    RispondiElimina
  10. @mic ma claro que si mia cara visto che c'hia i canali giusti!!! aspettiamo che venga un bel caldo però così mettiamo i pupi a mollo!

    RispondiElimina
  11. madainoncicredo19 aprile 2007 19:36

    In attesa di una spedizione al Villaggio della salute (io ci sto!!!), ho chiamato il Biancolelli. Mi sa che sabato vado a dare un'occhiata...

    RispondiElimina
  12. ma cos'è sto Villaggio della salute? quasi quasi inforco l'A1 e vengo anche io!!!

    p.s.ritenta sarai più fortunata, in bocca al lupo con l'altra piscina...

    RispondiElimina
  13. PlacidaSignora19 aprile 2007 20:32

    Lo puoi fare a casa stando seduta nella vasca da bagno con Lenticchia in braccio...;-*

    RispondiElimina
  14. madainoncicredo19 aprile 2007 20:41

    @Placida: è esattamente quello che ho pensato io :-D

    RispondiElimina
  15. madainoncicredo20 aprile 2007 17:25

    Per completezza di informazione (è il mio mestiere...), riporto qui alcune esperienze di altre mamme, in altre città:


    MAMMA DI ROVERETO (TN)

    Sergio ha iniziato il corso di acquaticità a gennaio e lo ha terminato a marzo (adesso andiamo in piscina da soli): 10 lezioni il sabato mattina dalle 10 ale 10:30 che si svolgevano in modo completamente diverso da quello che racconti tu.


    Le lezioni si svolgevano in questo modo.


    Ingresso in acqua: noi mamme ci sedevamo sul bordo della piscina con i bambini in braccio ed iniziavano a bagnarli lentamente ed a massaggiarli (piedi, gambe, ...) poi sedevamo i bambini di fianco a noi entravamo noi in acqua e quindi, molto lentamente focevamo entrare anche i bambini. Una volta in acqua ci disponevamo in cerchio e quindi spingevamo i bambini verso il centro per il saluto.


    Scivolamenti: tenendo i bambini in posizione verticale ci muovevamo per la piscina allontanando ed avvicinando i bambini a noi, muovendoli a dx e sin prima senza immersione e poi gradatamente con immersione (solo bocca, bocca e naso ed infine tutta la testa).


    Gioco: lanciare e prendere dei giochini facendo scivolare i bambini in acqua (di pancia o di schiena), scivolo con tappeto di gomma, "tuffi", passare sotto il getto di un innaffiatoio, ... (prima senza immersione e poi gradatamente con immersione).


    Uscita dall'acqua: massaggio e rilassamento dei bambini e quindi tutti in cerchio per il saluto.


    L'istruttice era sempre attenta a come tenevamo i bambini, a come venivano eseguiti i vari movimenti e soprattutto alle reazioni dei bambini

    RispondiElimina
  16. madainoncicredo20 aprile 2007 17:27

    MAMMA DI CAGLIARI


    arrivo, do giacomo all'istruttrice che se lo porta in giro per la piscina nel frattempo io entro e la inseguo... lo fa nuotare un po' sul dorso e un po' di pancia... nel frattempo aspettiamo che arrivino le altre mamme (sempre in ritardo) poi lo ridà a me e mi dice cosa fargli fare... tipo aiutarlo a pedalare prima un piede poi l'altro... quando ci sono tutti i bambini iniziano le attività in gruppo girotondo senza immersione... poi prendiamo i giochi... glieli lanciamo e li facciamo nuotare fino a raggiungerli... poi i tuffi dal bordo (con l'istruttrice ufficiale senza immersione, con la supplente con immersione) poi le immersioni (le fa fare lei) poi altri giochi in cerchio tipo tutti vicini tutti lontani... poi quando sono stanchi o si sono fatte le 11 usciamo... lei cmq a turno prende un bimbo e gli fa fare gli esercizi siamo molto seguite!!!

    RispondiElimina
  17. madainoncicredo20 aprile 2007 17:27

    MAMMA DI MILANO


    Io sono solo alla quarta lezione ma da noi hanno gia' fatto fare le prime immersioni....

    ai bimbi piu' rilassati fanno andare sotto la bocca il naso e poi il tuffo...

    poi si gioca con dei pupazzini in gomma. si sta su dei tappeti galleggianti per rotolare ecc.

    l'unico neo è che ci sono bambini piu' grandi che hanno esisgenze diverse, forse era meglio li dividessero meglio per età, ma magari non avevano abbastanza bimbi non so. Io da ex istruttrice vado molto "a naso" e faccio fare al mio bimbo esercizi che in qualche modo ricordano quelli dei bimbi piu' grandi, ma in questa fase l'importante è che non abbiano paura dell'acqua e imparino la sensazione del galleggiare... il gioco puro verrà magari piu' in la.

    RispondiElimina
  18. madainoncicredo20 aprile 2007 17:28

    MAMMA DI TORINO


    Noi cantiamo canzoncine e fin dalla prima lezione ci ha spiegato come tenerli se li facciamo nuotare a pancia in su o in giù. Poi cìè l'esercizio di tenerli per le braccine e farli dondolare per rafforzare i muscoli delle spalle... il tutto poco strutturato, dipende dall'istruttrice, però a volte mi sembra che non progrediamo... 5 o 6 immersioni complete a lezione (45 min), fatte dall'istruttrice o dalle mamme.

    RispondiElimina
  19. madainoncicredo20 aprile 2007 17:28

    MAMMA DI BERGAMO


    Noi 10 lezioni 80 €. In acqua ci sono due istruttori una ragazza e un ragazzo. Lei si occupa più dell'accoglimento e delle coccole ai bambini in crisi e lui di insegnamento. Le lezioni sono collettive ma "personalizzate". Ci sono momenti di gioco collettivo, tipo passare sotto i tunnel con doccia finale e momenti di lezione. Qui si personalizza a seconda del numero di lezioni e dalla confidenza che il bambino ha con l'acqua. Si va dal galleggiare al movimento delle gambe a dorso, ricerca dell'equilibrio con salvagente, primi tentatvi con i braccioli, prime immersioni ecc.

    Io l'ho trovato molto bello, ma un consiglio per tutte:

    prima di iscrivere i cuccioli, andate a vedere le lezioni oppure chiedete di farne una di prova

    RispondiElimina
  20. madainoncicredo20 aprile 2007 17:28

    Mi fermo qui...

    RispondiElimina
  21. e comincio io:


    MAMMA DI FIRENZE (la piscina è a San Casciano V.P.)


    la tessera da 6 lezioni costa 48 euro, il corso non comincia e non finisce, si può entrare in qualsiasi momento e ovviamente le istruttrici (2 o 3) tengono conto del livello. Le6 lezioni devono essere effettuate in 2 mesi, tra sabato e mercoledì.

    Nelle prime lezioni i bimbi vengono tenuti un po' dalle mamme e un po' dalle istruttrici a turno (comunque anche dopo le istruttrici tengono ogni bimbo per qualche minuto), si tengono sotto le ascelle (con le dita dritte, in modo che loro siano solo appoggiati e trovino l'equilibrio da soli) e si fanno muovere prima avanti e indietro (in modo che i bimbi si trovino tutti insieme al centro e poi si allontanino tutti insieme), poi lateralmente, immergendo dopo un po' anche le orecchie. Poi si tengono con la testa appoggiata al petto della mamma, la schiena in acqua e le gambine un po' piegate e gli si massaggia la pianta dei piedini, per stimolare il moviimento delle gambe, e poi si mettono sulla schiena ("a morto"). Dopo 2 o 3 lezioni si comincia con le immersioni: prima solo della faccia (l'istruttrice lo prende in braccia gli soffia sul viso perché nei primi mesi c'è il riflesso condizionato di trattenere il fiato e il bimbo non beve, e lo passa alla mamma sottacqa, da qui si passa a cose più "pesanti", tuffi dal bordo o da un tappetino, scivolo, il bimbo che va sotto acqua insieme alla mamma, e il lancio del bimbo alla mamma (ma dopo qualche mese...). Tutto viene fatto con molta attenzione a ciò che viene gradito o meno dal bimbo. Adesso Enrico ha 11 mesi, ha cominciato a 3, se lo appoggio al bordo vasca si tuffa da solo, e con i braccioli nuota un po' a cagnolino. E si diverte un mondo

    RispondiElimina
  22. Devo lasciare un commento, e non solo perchè ho vissuto un'esperienza oggi di acquaticità ottima ma anche perchè l'ho vissuta a Bologna, quindi nella stessa zona di Madai.

    Ho portato oggi mio figlio alla seconda parte del mio corso post parto, quindi non un vero e proprio corso di acquaticità ma un approccio all'acqua per bimbi piccoli insieme alle mamme e ai papà, un modo carinissimo per riunire la famiglia.

    Beh...Simone ha nuotato ( e non scherzo, è stato messo sul tubo preparato in modo tale da bloccarlo e ha mosso piedi e mani), si è tuffato ( l'insegnante lo ha lanciato al papà sott'acqua), ha sbattuto piedini e manine, ha riso vedendo papà e mamma cantare le canzoncine...insomma...ha vissuto una prima esperienza di piscina, VIVENDO la piscina.

    Noi genitori abbiamo imparato come abituare il bimbo all'acqua, come fargli fare cose nuove, insomma....il corso ha insegnato a noi e ha fatto imparare al bimbo.

    E, ripeto, non è un vero e proprio corso di acquaticità.

    Per dovere di cronaca: la piscina è "il villaggio del fanciullo" di Bologna ( zona Sant'orsola).

    Inutile dire che non solo continuerò i corsi...ma li continuerò lì.


    Ecco, questo per dire che cosa una mamma solitamente si aspetta da un corso: imparare.

    Imparare cose che lei d'istinto non sa fare. Perchè dialogare con il figlio...è istintivo. E una mamma lo fa ovunque.

    lanciarlo sott'acqua o insegnargli a nuotare e a non aver paura dell'acqua...beh quello non lo sa fare d'istinto.


    RispondiElimina
  23. ieri mattina da solo con i braccioli!!!!!

    RispondiElimina
  24. madainoncicredo30 aprile 2007 11:02

    @torta: invidiaaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina