mercoledì 11 febbraio 2009

Controlli

Mi sa che a Gabo sta esplodendo il linguaggio... Anche se continua a dire pochissime paroline, quelle che sa le ripete di continuo, come se cercasse di memorizzarle ben bene. Ad esempio ieri sera, durante la nostra routine della nanna, mentre gli ripetevo la mia solita tiritera, a luci già spente, lui, sottovoce, ha ripassato tutto il suo repertorio (nanna, mimmi, shosh, nonna, totti, vavva, papà, pappa, cicci, via, am, lelle, tale, ecc.ecc.). Poi l'ho messo nel lettino e, come sempre, sono tornata in sala.
"Mmmm, non la vedo bene, è sveglissimo", ho detto al papà.

E infatti... Passano dieci minuti e dall'angioletto (il baby monitor) sentiamo un sommesso richiamo: "Mamma!".
Vado in cameretta e lo trovo in piedi nel lettino. Lo prendo in braccio, mi siedo in poltrona con lui e riprendo a tranquillizzarlo con la tiritera: "Adesso ci facciamo due coccoline e poi vai a nanna assieme a tutti i tuoi amici: pandone, cucciolo cuscino, l'angioletto della luna, il libro magico...". Ma lui mi prende il viso tra le mani e mi dà un bacione con lo schiocco sulla guancia. Poi dice "nanna" e indica il lettino. Lo metto giù, esco e lui si addormenta da solo. Si è svegliato alle 7 passate.

Secondo me, ha voluto semplicemente controllare che fossi a casa. Questo conferma ciò che è successo la notte prima dell'incidente: l'avevo messa a nanna, subito dopo ero uscita, e passati 10 minuti si è svegliato. E la presenza del papà non era stata sufficiente a tranquillizzarlo, tanto da farci poi passare una notte da incubo, addormentandosi solo alle 5.

Ora non ho alcuna voglia di uscire, dopo tutto quello che è successo in questi giorni, ma credo che abbia proprio ragione la mia amica Michy, che in un commento mi suggeriva la sua strategia, ovvero "quando io esco, le poche volte che lo faccio, esco PRIMA della nanna di simone, cosi lui ha tempo di capire che mamma non c'è". Lo terrò a mente. Ma per ora me ne sto meglio a casa... quel poco tempo che ci sono la sera :-(

7 commenti:

  1. ti ringrazio per aver pensato che il mio consiglio potesse essere cosi utile...è bello rendersi utili!!!

    anche simone sta facendo passi da gigante sul linguaggio...incredibile come crescano questi bimbi cosi, da un giorno all'altro!

    RispondiElimina
  2. bellino...

    senti ma, magari dico una scemenza enorme, ma provare a metterlo a nanna insieme?

    RispondiElimina
  3. madainoncicredo12 febbraio 2009 10:57

    @torta: mmm... No, non credo sia una buona idea. Primo perché a me piace metterlo a nanna, è un nostro momento speciale di coccole. Secondo, perché se poi si abitua che ci siamo tutti e due in quel momento, è un casino se uno dei due, per motivi di lavoro o altro, non c'è...


    Comunque anche ieri sera si è addormentato abbracciando l'autobus a letto °_°

    RispondiElimina
  4. Ho letto cosa ti è successo....beh che dire....movimentata la situazione!

    Comunque inutile dire che non devi sentirti in colpa, il fatto è che i bambini sono abitudinari, come gli anziani e quando cambia qualcosa faticano ad accettarlo! Piuttosto che non uscire più...devi farlo più spesso per dare a Gabo la certezza che anche il suo papà può stare con lui e dargli la sicurezza che cerca....comunque anche a me è capitato....ma poi dopo qualche volta tutto si assensta e accettano il fatt che possa accadere che la mamma o il papà una sera non ci siano...

    Mi spiace per il labbro! Mannaggia! Comunque una volta, giocando sul lettone il labbro di mia figlia è finito sulla mia testa (o viceversa?)...senza sutura ma utilissimo il labbro leccisiano! Abbiamo tolto il ciuccio definitivamente visto che non riusciva a metterlo ah ah ah!

    Della serie come trovare un lato positivo a tutti i costi eh!?!?!

    RispondiElimina
  5. Piano piano, riuscirete a trovare l'equilibrio adatto a voi, ne sono certa. E' normale che ora sei un po' "spaventata" all'idea di uscire, ma vedrai che con calma riprenderai anche a fare quello. Con calma.

    Un baciotto al bimbo e buon S.Valentino alla mamma e al papà!

    RispondiElimina
  6. vah, ma perché noi mamme sulla soglia dei 40 anni siamo così, piene di sensi di colpa, pensiamo che i nostri figli senza di noi diventeranno adolescenti difficili, ecc?? ha ragione uno dei tuoi comment: non fa' bene nè a te nè a lui non uscire, si abituerà..e i papà sono spesso eccezionali siamo noi mamme che pensiamo di essere indispensabili...ma nessuno in realtà lo è

    good luck desdemona

    RispondiElimina
  7. Desdemona dice una cosa giusta....ma tu che fine hai fatto??? Non si aggiorna???????

    RispondiElimina