sabato 31 maggio 2008

Dimenticanze

Chissà cosa c'è dietro la tragedia di Merate, dove una madre ha dimenticato in auto la bimba di due anni, morta dopo alcune ore. E non è nemmeno il primo caso: successe anche una decina d'anni fa a Catania.

Forse dietro c'è una (latente) depressione.
Di sicuro tanta stanchezza.
Quella che tutte noi, madri che lavorano (incluse le "casalinghe"), proviamo ogni giorno.

No, non mi sento di biasimare quella madre, di cui non posso nemmeno immaginare la disperazione.

So solo che una notte agitata, magari del tutto insonne, può lasciare distrutti. Un po' come mi sento io oggi, che sono pure di turno al lavoro.

Anch'io sono esausta. Anche noi.
Immaginavo che fare la mamma fosse una fatica, ma forse non così tanto.
Perché non c'è più un minimo spazio per recuperare le energie.

Eppure, essere mamma è sempre una meraviglia. Come stamattina, che mi sono trovata a sgridare ad alta voce Gabo perché mi ha fatto alzare alle 6 ed era incontenibile, fino a sbattermi una porta dell'armadio in faccia e portarmi al pianto per l'esasperazione. Ci è rimasto male, al mio grido "basta!". E, sollecitato dal papà a chiedermi scusa, mi ha dato un bacetto sulla guancia. Per la prima volta con le labbra all'infuori e lo schiocco.

Sei tremendo, Gabo.
Ma sei proprio un amore.



Aggiornamento (agghiacciante... speriamo non sia vero):
La bimba forse poteva essere salvata

4 commenti:

  1. come al solito riesci a trasformare in parole le sensazioni che accumunano noi mamme!

    forse io non sono stanca come te perchè lavoro meno, ma capisco in pieno la tua fatica.

    Un abbraccio!

    quanto tempo che non vi vedo.... :(

    RispondiElimina
  2. libriconvista2 giugno 2008 23:39

    Io mi associo, pur non essendo mamma e pur non sapendo cosa si provi dopo una nottata di deliri e pianti vari...poverina...


    RispondiElimina
  3. Capisco la tua fatica, e comet e anch'io sono rimasta turbata dalla vicenda di Merate, ma nello stesso tempo non faccio fatica a capire come sia successo...troppa stanchezza e depressione, come dici tu, magari trascurata hanno portato al tracollo...con tragiche conseguenze...non riesco neppure ad immaginare come si possa sentire quella povera donna, non so se riuscirei a vivere ancora se succedesse una cosa del genere a me..

    RispondiElimina
  4. L'ho letto anch'io sul giornale locale, e giuro non c'è nulla che mi abbia turbato così tanto nella vita come questa vicenda...

    RispondiElimina