giovedì 13 marzo 2008

Sensi di colpa

Stamattina ho portato Gabo al nido. Lui era tranquillo, io un po' meno: oggi, infatti, per la prima volta proviamo a lasciarlo fino alle 16.

La dada-capo mi fa: "Allora, mamma, oggi vieni al laboratorio delle 17?"
La sezione dei piccoli ha infatti organizzato tre laboratori per i genitori.

"Eh, no, come faccio, finisco di lavorare alle 20...".

E la dada: "Allora ti dovremo dare i compiti a casa perché vengono tutte...".

Si inserisce una bidella: "Mamma, guarda che quando Gabo andrà alle elementari e alle medie dovrai pure aiutarlo a fare i compiti!"

Rincara la dose la dada-capo: "Tutte le donne con figli dovrebbero fare il part-time", sentenzia.

Ma credete che non lo vorrei fare anch'io?
E non credete che non abbia già abbastanza sensi di colpa??
Che vado col pianto a un pranzo con amiche per la festa della donna, perché rubo tempo a quel poco che passo con mio figlio...


Il dramma è che, per uscire da questa situazione, mi resta solo il Superenalotto...

13 commenti:

  1. scusa la parola ma...CHE STRONZE!!

    da noi i laboratori li fanno alle 21, evidentemente qui ci sono solo mamme degeneri..che poi perché mamme? perché il part time non lo possono fare i papà allora? un uomo non può aiutare un bimbo a fare i compiti? detesto questo tipo di cose...e tu smettila di sentirti in colpa!!!

    RispondiElimina
  2. già già già, anch'io mi sento tanto in colpa e invidio una mia amica che ha potuto licenziarsi per stare con la figlia! un saluto smile

    RispondiElimina
  3. Ma lasciale parlare. Se non capiscono che il loro lavoro è quello di facilitare le mamme anche mettendole in condizioni di non sentirsi in colpa, non fanno nemmeno il bene dei bambini.

    Io esco dall'ufficio alle 18:30 e mi fanno sentire come fossi in part time :)

    RispondiElimina
  4. dio ma che stronze. Scommetto che nessuna di loro è sposata o ha mai DOVUTO lavorare per mangiare. Io sono messa uguale, sai? Se vogliamo continuare a sopravvivere e ad essere in condizione di occuparci sempre di Sara come vogliamo, dobbiamo lavorare entrambi, esattamente come te e tuo marito...con l'aggravante dei sensi di colpa. Ti abbraccio fortissimo, solidale come sempre.

    RispondiElimina
  5. Non ho parole... baci sorellina

    RispondiElimina
  6. nemmeno io ho parole...ammetto che più racconti di queste dade, più mi sembra che il loro lavoro sia "come far sentire degenere una mamma che lavora e che lascia il proprio figlio al nido, dove nessuno va incontro alle esigenze del bambino"

    mi dispiace che ti facciano sentire in colpa...ma ricorda che in torto sono loro. Tu fai quel che puoi per garantire una vita migliore a tuo figlio.

    RispondiElimina
  7. che poi...se le mamme stessero tutte a casa con i bimbi loro sarebbero a spasso..

    RispondiElimina
  8. madainoncicredo14 marzo 2008 11:11

    Che poi, se proprio mi devo prendere un giorno di ferie, non lo faccio per andare a pasticciare con i colori per fare un cartellone con l'impronta della mia mano (questo era il laboratorio), ma passo il tempo con mio figlio. Ecco.

    RispondiElimina
  9. tieni duro cara, siamo tutte sulla stessa barca!

    un abbraccio e tanta solidarietà

    RispondiElimina
  10. che poi...esatto!

    RispondiElimina
  11. ma sul serio ti chiamano mamma? che già a me girerebbero a vortice... cioè il mio nome ce l'ho eh... (e le dade mi conoscon per nome ecchecavoli).


    Poi, ma non se ne possono stare zitte ste streghe? Da noi laboratori alle 18, ma siamo sempre meno della metà, e nessuna ha mai osato dire qualcosa sulle assenti ma scherziamo??? Cos'è, dobbiam sentirci in colpa di lavorare????

    RispondiElimina
  12. Non dirlo a me...che l'ho dovuta lasciare a 2 mesi e mezzo...che stronze insensibili però, concedimi il francesismo!

    RispondiElimina
  13. RossaNaturale20 marzo 2008 12:00

    Il fatto che le mamme aiutino i figli a fare i compiti non è mica un'istituzione.

    Quando andavo a scuola io era praticamente vietato! Una volta mia mamma mi ha aiutato con un compito di inglese (al corso intergativo) e la maestra l'ha capito, forse per qualche parola che non aveva ancora spiegato e mi ha fatto una nota sul quaderno; quella scrittona "devi fare i compiti da sola!!" me la ricordo ancora...Come cambiano i tempi.

    Però se ci ripenso oggi mi sembra giusto così...Che senso ha fare i compiti con la mamma? Quando impari qualcosa allora??

    Del resto, mandale a cagare le dade :-)

    RispondiElimina