lunedì 10 marzo 2008

Re-inserimento lento

Allora: martedì è andata come è andata.

Mercoledì... abbiamo subito bigiato scuola. C'era una tempesta allucinante, io dovevo andare a lavorare alle 11, così ho preferito tenerlo a casa con la tata. E credo di avere fatto bene.

Giovedì, infatti, non ha pianto quando l'ho lasciato al nido. Però c'era un suo compagno, anche lui in re-inserimento dopo un'assenza (anche se più breve), che stava piangendo disperato. Temevo l'effetto emulazione, invece così Gabo forse si è distratto. E poi c'era una dada dolce, ad accoglierlo, mentre martedì c'era l'antipatica.
Alle 12 mi sono trovata fuori dal nido con la tata. Abbiamo pensato che fosse meglio fare entrare lei da sola, perchè se Gabo mi avesse vista, di sicuro avrebbe pianto. Così mi sono nascosta dietro una macchina, e che tenerezza quando l'ho visto uscire con la tata... Le teneva la mano, tranquillo, e la guardava un po' stupito. Ormai è un mesetto che la conosce, ma non hanno passato molto tempo assieme: in genere c'era anche la nonna. Ora, invece, probabilmente si sta affezionando.

Infatti, venerdì, è andata lei da sola a prenderlo, e Gabo le è corso incontro!

Resta il grande problema della pappa: finora, al nido, non ha toccato cibo. Mangia solo l'omogeneizzato di  frutta a metà mattina. Così la tata, appena arriva a casa, gli dà un biberon di latte e biscotti.

La nanna, invece, è andata alla grande. Ho detto alle dade che lui a casa la fa ancora (dorme anche un'ora e mezza...). Loro non ci avevano neanche provato a fargli fare il pisolino la mattina, martedì, perché i grandi non lo fanno più.

Oggi, però, abbiamo bigiato di nuovo scuola. L'ho portato dalla nonna, che era già in crisi d'astinenza, dopo un mese di baby-sitteraggio a tempo pieno o quasi. E poi credo che faccia bene anche a Gabo, stare un giorno a settimana con la nonna (finché lei ce la fa...). Così torna al nido di martedì e la settimana è più breve. Chissà, la mia segreta speranza è anche che, così, si ammali meno...

Domani e mercoledì, se tutto va bene, torna al nido ancora con orario 9-12. Poi spero di cominciare a lasciarlo anche di pomeriggio, almeno fino alle 16. Con gradualità, s'intende.

Ma così non possiamo andare avanti molto. Anche perché, tra la rata del nido e la rata della tata, è proprio un salasso...

7 commenti:

  1. in questi casi io dico "per fortuna" non gtrovo lavoro... solo che se sto sempre a casa con il pupo non so quando lo trovo il lavoro....

    sgrunt

    comunque noi dopo che la settimana scorsa siamo stati a casa fino a giovedì con la bronchite, venerdì siamo andati dai bimbi, sabatoe domenica si stava bene e stamattina tosse e febbre a 38.8, con la pediatra che ci dice "bah, non sarà niente, ci risentiamo domani"...ggrrrr (segue esposto in comune per aggiunta di altro pediatra....chissà che in clima elettorale...)

    RispondiElimina
  2. madai, rispondo qui. Che dici del prossimo sabato?Se sì, dove? ( possibilmente dove costa meno di poco, che siamo proprio messi male...)

    RispondiElimina
  3. madainoncicredo10 marzo 2008 15:53

    Ah, io proponevo di prendere le pizze a casa, o da noi, o da voi... certo, se i bimbi stanno bene, se noi stiamo bene ecc.ecc.

    RispondiElimina
  4. Sbaglio o stai pensando alla possibilità di stare a casa? Ho sempre pensato che se le nonne nn avessero tenuto Sara, con i prezzi che hanno gli asili/tate/babysitter etc forse stare a casa direttamente dal lavoro sarebbe stato il male minore..

    RispondiElimina
  5. madainoncicredo10 marzo 2008 17:57

    @torta: i pediatri sono tutti uguali, visitano per telefono "tanto non è niente"... e così ci tocca intasare i pronto soccorso, oppure ridurre malissimo i nostri bimbi, per poi sentirci dire "oh, ma è messo proprio male, per forza, va al nido...". Peccato che l'ultima bronchite Gabo l'abbia presa stando a casa!


    @quasimamma: no, a casa mai! A me lavorare piace, e poi con uno stipendio solo non ce la faremmo proprio... L'unica speranza sarebbe di vincere al Superenalotto :-/


    @michy: poi ci mettiamo d'accordo via sms!

    RispondiElimina
  6. ok, tanto potremo decidere per certi solo sabato stesso, appurato che stanno bene! ottimo per pizza in casa, a me va bene sia da voi sia da noi!

    RispondiElimina
  7. però se cene fosse unaltro almeno forse eviteremmo di aspettare un'ora in sala d'attesa (con l'appuntamento..)

    idem enrico, le ultime malattie le ha prese tutte a casa...

    RispondiElimina