giovedì 13 maggio 2010

La mia prima vera festa della mamma



Non sono una fanatica dei "lavoretti" fatti a scuola, anzi... Mi dispiace buttarli, ovvio, ma avendo appena affrontato un maxi-trasloco li considero dei raccoglipolvere che non so dove mettere.



Però... con il lavoretto fatto per la festa della mamma Gabo mi ha donato grande felicità. E non per l'oggetto in sè (peraltro delizioso: una piantina - pochi giorni prima erano stati in gita in un vivaio - in un vasetto dipinto da lui "col pennello", come ha tenuto a specificare). Ma per le parole che mi ha regalato.



Il regalino me l'aveva fatto trovare la baby-sitter sul tavolo di cucina e, appena rientrata a casa dal lavoro, ho ringraziato e abbracciato Gabo. Poi ci siamo messi a tavola per la cena e ad un certo punto Gabo si è alzato dicendo "voglio dare un bacio a papà". Poi è venuto da me, mi ha dato un bacio e ha detto: "Io ti ho regalato quella cosa perché sei il mio amore".



Lo ammetto, mi sono emozionata, commossa e mi è spuntata anche una lacrimuccia...

Poi è prevalsa la mia anima disincantata e un po' cinica e ho pensato: sarà stato un "copione" preparato a scuola, ma comunque mi ha fatto piacere. E invece no: lunedì ho raccontato la scenetta alle maestre e mi hanno detto che è stata un'iniziativa di Gabo. Loro, in realtà, avevano preparato una poesia, che Gabo si è ben guardato dal provare a recitare (il testo, ho capito dopo, era in un biglietto a forma di cuore allegato al lavoretto, corredato anche da un mio "ritratto").



Ma così il suo gesto spontaneo ha assunto un doppio valore. E ha confermato anche che il suo carattere è di autonomia assoluta... In poche parole, fa di testa sua, il che ha lati positivi e negativi. Me ne accorgerò in adolescenza!

3 commenti:


  1. Che carino e affettuoso! :D

    RispondiElimina
  2. che bello..ciao lati...

    RispondiElimina

  3. Che dolcezza i nostri bimbi...sanno sempre sorprenderci.
    Ne approfitto per consigliare a tutte le mamme un eventino a cui ho iscritto la mia Sofi.
    Il 29 maggio (anche il 30 in realtà) Fondazione Riccardo Catella ha organizzato a Milano delle visite di gioco e merenda a quattro cantieri della città (io ho scelto Porta Nuova perchè è quello più comodo per me ma sono un pò sparsi). Mi sono iscritta chiamando il numero 0291431512 ma si può prenotare anche dal sito della fondazione.

    RispondiElimina